Alleanza delle Cooperative Italiane - Filiera del rifiuto tessile

Da circa 30 anni le Cooperative Sociali Italiane operano nella raccolta degli indumenti usati senza scopo di lucro e offrendo importanti opportunità di inserimento lavorativo a soggetti svantaggiati.

Negli anni si sono sempre più qualificate e hanno assunto una dimensione industriale attraverso:

- l'ottenimento di certificazioni ISO

- l'adeguamento ad articolati dettami normativi

- la partecipazione a gare d'appalto

- la formazione sempre più specifica per i propri lavoratori

- la commercializzazione sia al fettaglio sia all'ingrosso

- l'avviamento di collaborazioni a livello transnazionale.

Il pacchetto di Direttive Europee sull'Economia Circolare prevede che ogni stato membro entro il 1 gennaio 2025 debba istituire la raccolta differenziata dei rifiuti tessili.

Il legislatore italiano ha anticipato tale obbligo al 1 gennaio 2022.

Si tratta di un importantissimo cambio di passo e le Cooperative Sociali intendono farsi trovare pronte.

A questo scopo è stato costituito un Gruppo di Lavoro nell'ambito dell'Allenaza delle Cooperative Italiane Sociali affinchè il legislatore e gli Enti regolatori tengano in considerazione il punto di vista di chi opera nel settore senza scopo di lucro sostenendone la continuità operativa che rischia di essere messa a repentaglio da un prematuro avvio delle raccolte differenziate senza che si siano coordianti i diversi sistemi ERP a livello europeo.

Gli interrogativi su come si intenderà affrontare uno scenario che porterà a grandissimi quantità di rifiuto da raccogliere e sottoporre a trattamento, sono molteplici, ma la Cooperazione Sociale è convinta che si potranno generare ulteriori opportunità di lavoro e di solidarietà nei confronti delle fasce più deboli.

Città Solare opera in questo settore fin dal 1997 e fin dal suo esordio ha sempre accolto le nuove sfide ad oggi è più che mai pronta al cambio di passo.

In più di vent'anni di attività Città Solare ha:

- contribuito a ridurre la quantità di rifiuto secco non riciclabile;

- raccolto 15.000 tonnellate comportando un risparmio della tassa ambientale pari a 3.000.000€;

- impiegato lavoratori in situazione di svantaggio, assunti regolarmente e nel rispetto del ccnl di settore;

- assunto 54 dipendenti svantaggiati e avviato 58 percorsi di tirocinio in favore di persone in situazione di grave marginalità;

- contribuito al fondo straordinario di solidarietà;

- introdotto dal 2016 Città Solare l'utilizzo dei cassonetti di 1° generazione con porta girevole antintrusione che elimina il degrado causato dai furti.

La cooperativa, inoltre, utilizza la rete Conau: la maggior parte degli indumenti usati viene venduta ad operatori che aderiscono al Consorzio Nazionale Abiti e Vestiti Usati, che garantisce trasparenza ed eticità nel processo di raccolta, vendita e riciclo degli abiti.

 

 

09 Nov 2021
ultimi progetti

Xcross

Il progetto, realizzato con il contributo del Comune di Padova, si snoderà attraverso diverse azioni, ognuna rivolta ai diversi beneficiari del progetto.

Tutte le iniziative sono gratuite.

Leggi di più
ultimi progetti

Maggiordomo di quartiere - Intrecci di comunità

Il servizio di Maggiordomo di Quartiere è attivo ogni lunedì e mercoledi dalle 15.00 alle 18.00 presso la Sala Comunitaria di Qui Padova.

Leggi di più
ultimi progetti

Green Squares - piazze verdi

 

Leggi di più
ultimi progetti

Recooper

Leggi di più